Sei già registrato? Accedi oppure Registrati

POESIE SULL’INVERNO….

inverno 1

POESIE SULL’INVERNO….

Questa settimana i post del Grillo del Focolare saranno dedicati all’inverno ormai alle porte…

Il Temporale (Hermann Hesse)

S’ammala il sole, s’accuccia il monte,
carovane di nere nuvole
stanno in agguato di fronte,
in basso timidi uccelli volano,
in terra trascorrono grigie ombre.
Il tuono, lento dopo il fulmine,
passa con rombo pauroso.
Fitta, gelida la pioggia vitrea
s’abbatte in rovesci di scialbo argento,
scroscia in fiumi, scorre in rivoli,
con mal trattenuti singhiozzi,
giù nella valle dello spavento..


Inverno (Umberto Saba)

E’ notte, inverno rovinoso. Un poco
sollevi le tendine e guardi. Vibrano
i tuoi capelli selvaggi, la gioia
ti dilata improvvisa l’occhio nero;
che quello che hai veduto – era un’immagine
della fine del mondo – ti conforta
l’intimo cuore, lo fa caldo e pago.
Un uomo si avventura per un lago
di ghiaccio, sotto una lampada storta.


Il ritorno dell’inverno (Takuboki Ishikawa)

Come un fanciullo che da un lungo viaggio stanco ritorna al paese natio,
e dorme e si riposa,
così tranquillo, placido e sereno è l’inverno che torna.


Città invernale (Carl Sandburg)

La nebbia viene con piccoli piedi di gatto.
Si siede, sogguardando il porto e la città, sui fianchi silenziosi.
Poi prosegue.